Si può fare il bagno al gatto?

In molti si chiedono "si può lavare un gatto?". I gatti sono infatti noti per la loro pulizia e dedicano molto tempo alla loro toilette quotidiana. Tuttavia, ci sono situazioni in cui si rende necessario fare il bagnetto al tuo felino.

Il gatto si dedica quotidianamente alla sua igiene

Ogni giorno, i gatti passano molte ore a leccarsi e pulirsi. La loro lingua ruvida rimuove impurità e peli morti dal manto e durante questa operazione di pulizia vengono rilasciate dalle ghiandole alcune sostanze che impermeabilizzano il pelo e stimolano la produzione di endorfine dall’effetto calmante. 
Questa attività però può anche portare all'ingestione dei peli, che possono formare boli di pelo nel sistema digestivo, causando a volte problemi come vomito o costipazione. Per prevenirli, è importante spazzolare con cura il tuo gatto e fornirgli regolarmente l'erba gatta, oltre a consultare il veterinario per tutti gli utili consigli.

Si può lavare un gatto?

Ebbene sì è possibile lavare un gatto, ma è importante farlo solo quando l’animale non si sia già pulito autonomamente. Le ragioni che rendono necessario il bagnetto possono essere:
•    Il gatto si è sporcato, specialmente se ha accesso all'esterno.
•    Infestazioni da parassiti come pulci o pidocchi.
•    Problemi dermatologici o di salute che impediscono al gatto di pulirsi adeguatamente.

Quanto spesso si può lavare un gatto?

I gatti, a differenza dei cani, generalmente non gradiscono l'acqua, quindi il bagno dovrebbe essere limitato allo stretto necessario. 
Se il gatto ha difficoltà a pulirsi a causa dell'età o dei suoi problemi di salute, come l'artrite, potrebbe essere necessario lavarlo più frequentemente. In caso di problemi dermatologici, segui le raccomandazioni del veterinario per la frequenza dei bagni.

Come si può lavare un gatto?

lavare un gatto

Lavare un gatto richiede pazienza, cura e delicatezza. Ecco alcuni consigli e trucchi per rendere il bagno un'esperienza positiva sia per te che per il tuo micio:

1.    Preparazione:
•    Scegli il momento giusto, assicurandoti che il gatto sia tranquillo e non stressato.
•    Spazzola il gatto perché solo così riesci a rimuovere i nodi e i peli in eccesso evitando che si annodino quando sono bagnati.
2.    Scegli il luogo della casa adatto:
•    Usa una vasca o un lavandino all’altezza comoda per te e non troppo profonda per il gatto.
•    Metti una tovaglia antiscivolo perché il gatto si senta più sicuro.
3.    Usa i prodotti giusti:
•    Usa uno shampoo specifico per animali, ricordando che il pH della pelle del gatto è diverso da quello umano, quindi è importante usare prodotti adatti.
•    Prepara tutto in anticipo: shampoo, asciugamani e una brocca per sciacquare a portata di mano renderà tutto più semplice.
4.    Durante il bagnetto:
•    Controlla che l’acqua sia tiepida, né troppo calda né troppo fredda.
•    Parla con calma, una voce rassicurante può tranquillizzare il gatto.
•    Bagna il gatto gradualmente, evitando di versare acqua direttamente sulla testa e procedendo dal dorso verso la coda.
•    Applica lo shampoo con attenzione e massaggia dolcemente evitando occhi, orecchie e naso.
•    Risciacqua abbondantemente per rimuovere tutto il sapone e evitare irritazioni della pelle.
5.    Asciugatura:
•    Scegli con cura asciugamani morbidi per tamponare delicatamente il pelo e rimuovere l'acqua in eccesso.
•    Prepara un ambiente caldo in modo che il gatto non prenda freddo.
•    Evita il phon e, se proprio necessario, usalo a bassa temperatura e a distanza: molti animali lo trovano spaventoso.
6.    Post-bagno:
•    Ricompensa micio dopo il bagnetto con coccole o il suo snack preferito perché in questo ti aiuta a creare un'associazione positiva.
7.    Sicurezza prima di tutto:
•    Non forzare mai l’animale e se il tuo micio è troppo spaventato o agitato, è meglio fermarsi e riprovare a lavarlo in casa un'altra volta, oppure consultare un toelettatore professionista.

Santévet Italy come lavare il gatto

Abituare il gatto a farsi fare il bagno

L'ideale sarebbe abituare il gatto al bagno fin da piccolo. Puoi utilizzare anche shampoo a secco per gatti anziani o malati che hanno difficoltà a pulirsi. Durante il bagno, la regola numero uno è mantenere la calma per non trasmettere stress al micio che già sarà spaventato. Paroline dolci e affettuose, una musica soft di sottofondo, avranno l’effetto di rassicurarlo e predisporlo al bagnetto.

In conclusione, la risposta alla domanda "si può lavare un gatto?" è sì, ma con cura e solo quando ce ne sia davvero bisogno. Ricorda di consultare sempre il tuo veterinario per qualsiasi consiglio o preoccupazione riguardo alla salute e alla pulizia del tuo animale.